Pubblicato il 1 maggio 2016

Roma, Virginia Raggi (M5S) al Pigneto: “Far rinascere un quartiere ostaggio della criminalità”

«Siamo venuti qui al Pigneto per ascoltare le parole di uno degli artigiani che ancora resiste in un quartiere ostaggio del racket e della criminalità», è con queste parole che fa sentire la sua voce la candidata sindaco di Roma Virginia Raggi (M5S)

Roma, Virginia Raggi (M5S) al Pigneto: "Far rinascere un quartiere ostaggio della criminalità"

Virginia Raggi del Movimento 5 Stelle, candidata sindaco di Roma per le prossime amministrative, a margine di un tour nel quartiere capitolino del Pigneto ha parlato agli artigiani del luogo incontrando anche chi in passato ha subito minacce da parte di alcuni spacciatori della zona. «Il M5s in Parlamento ha presentato – tuona la pentastellata – un disegno di legge per la regolamentazione della cannabis, e in realtà è opportuno aprire un dibattito su questi temi. Bisogna assolutamente sottrarre questo tipo di commercio al racket e alla criminalità». «L’apripista non può essere nè Roma nè nessun altra città ma il Parlamento che deve legiferare». «Siamo venuti qui al Pigneto per ascoltare le parole di uno degli artigiani che ancora resiste in un quartiere ostaggio del racket e della criminalità. Quello che vogliamo e dobbiamo fare è rafforzare il presidio sul territorio durante tutte le 24 ore ma sopratutto dobbiamo impegnarci per far rinascere un quartiere che di fatto sta morendo con le botteghe chiuse ed i cittadini che scappano».

Far rinascere questo piccolo angolo di paradiso
«E’ diventato un quartiere ostaggio di traffici che non ci piacciono e noi vogliamo invece riportare una società che sia viva e vivace, con il commercio e l’artigianato. Dobbiamo far rinascere questo piccolo angolo paradisiaco della città. Questo l’impegno che ci sentiamo di prendere perché ce lo chiedono tutti i cittadini. Non è possibile che Roma venga abbandonata così al degrado», ha detto infine.

Vuoi rimanere aggiornato sulle migliori news del giorno? Clicca su mi piace:

Leggi anche:

Aggiungi un Commento

You must be Logged in to post comment.