Pubblicato il 29 aprile 2016

Strage di Erba, il legale Olindo e Rosa Bazzi spiega il mistero delle intercettazioni

Olindo Romano e Rosa Bazzi stanno scontando l’ergastolo in quanto ritenuti essere gli autori della vicenda nota a tutti come la ‘strage di Erba’ in cui furono uccisi e poi dati alle fiamme Raffaella Castagna, Youssef Marzouk, Paola Galli e Valeria Cherubini. A quasi 10 anni della strage i loro legali chiedono di riaprire il caso ed effettuare nuove perizie

Strage di Erba, il legale Olindo e Rosa Bazzi spiega il mistero delle intercettazioni

L’Avvocato Fabio Schembri, legale dei due coniugi arrestati, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano per commentare la richiesta di riapertura del caso noto a tutti come la ‘strage di Erba’ dell’11 dicembre 2006, in cui furono trucidati e dati alle fiamme Raffaella Castagna, Youssef Marzouk, Paola Galli e Valeria Cherubini. “Non è stata ancora depositata un’istanza di revisione del processo. Per un’istanza di revisione occorrono degli elementi che siano completamente nuovi. Noi stiamo lavorando proprio su questo. A tutt’oggi è pendente un ricorso alla Corte europea che già di per sé potrebbe costituire un elemento di revisione. Naturalmente noi vorremo presentare un’istanza di revisione completa, corredata da una serie di elementi di carattere dichiarativo e scientifico”.

Le intercettazioni mai acquisite di Raffaella Castagna
“Il suo telefono venne parzialmente analizzato solo con le ultime chiamate ma non con gli sms. Nella sentenza di primo grado si disse che Olindo e Rosa Bazzi, nonostante fossero sotto intercettazione, non parlavano mai delle povere vittime e questo secondo molti era un indizio della loro colpevolezza. In realtà le indagini erano piene di intercettazioni ambientali tra Olindo e Rosa dove i due parlavano senza sapere di essere intercettati e si interrogavano su chi potevano essere gli autori di questa strage e manifestavano solidarietà nei confronti di Frigerio. Nella vita si può fingere, ma in questo caso sarebbero attori da Oscar. Quelle intercettazioni furono accantonate. Queste intercettazioni sono elementi da considerarsi nuovi, in quanto mai valutate dai giudici, e possono essere elementi da inserire nell’istanza di revisione del processo”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle migliori news del giorno? Clicca su mi piace:

Leggi anche:

Aggiungi un Commento

You must be Logged in to post comment.